Focus

{"first":":first","cssSlides":".slide","cssMenu":".menu","cssPrev":".rotator-prev","cssNext":".rotator-next","cssLightBackground":".rotator-bg-light","cssDarkBackground":".rotator-bg-dark","delay":5000,"type":"fade","speed":1000}

Lifestyle

turismo

Baden-Baden: benessere e cultura ai piedi della Foresta Nera

Baden-Baden non è solo un’esclusiva destinazione spa e benessere, ma anche un’oasi per l’arte, la cultura e per ritrovare il contatto con la natura, sia a passeggio che praticando sport.


turismo

Lo Chef Paolo Sari e la sua cucina Bio dell'Elsa al Monte Carlo Beach [VIDEO]

Unico ristorante al mondo ad aver ottenuto una stella Michelin e la certificazione Bio. Cucina mediterranea e grande attenzione alla qualità degli ingredienti, sapientemente selezionati dallo Chef Paolo Sari.


Leggi Anche

La Francia posa la prima pietra del Padiglione Expo Milano 2015: « Nutrire il Pianeta, energia per la Vita »

Al cospetto di autorità francesi e italiane è iniziata la costruzione del Padiglione Francia, un edificio sostenibile in legno che accoglierà il suo savoir-faire gastronomico e l’arte della tavola.


Il Gruppo Barcelò sceglie Milano inaugurando un hotel di design nei pressi dell'Expo

Il Gruppo spagnolo Barcelò, leader nel settore alberghiero, investe in Italia. Dopo l'acquisizione di prestigiose strutture a Roma e villaggi vancanza in Calabria, scgelie la ciittà dell'Expo con l'apertura del Barcelò Milan.


Baviera: alla scoperta della splendida Bayreuth

Un armonioso mix tra arte e cultura in un contesto cittadino arricchito da rigosgliosi parchi, castelli e residenze nobiliari.


Estate nel Principato di Monaco: un cocktail di eventi, mondanità ed emozioni

Monte Carlo è una delle destinazioni top per l'art de vivre. Un ricco calendario di eventi dedicati a tutte le passioni animerà l'Estate del Principato.


In Alta Badia la terza edizione del Gourmet Skisafari, tra piste da sci e l'eccellenza enogastronomica italiana

Un delizioso tour gastronomico sugli sci durante tutta la stagione invernale. Si potranno degustare in 14 rifugi sulle piste dell’Alta Badia, i piatti ideati con originalità da altrettanti chef stellati italiani.


{"first":":first","cssSlides":".slide","cssMenu":".menu","cssPrev":".rotator-prev","cssNext":".rotator-next","cssLightBackground":".rotator-bg-light","cssDarkBackground":".rotator-bg-dark","delay":5000,"type":"fade","speed":1000}

L’esclusivo servizio di consulenza gratuita dedicato ai nostri lettori. Provalo!

21 Novembre 2018

Turismo

Bauhaus: 100 anni d'avanguardia portati con classe

Nel 2019 si celebra in Germania il centenario del Bauhaus, l'iconico movimento e scuola di architettura, arte e design nato negli anni '20 dello scorso secolo.

Durante l'evento organizzato dall'Ente Germanico per il Turismo di Milano, è stato presentato in anteprima l'importante anniversario che nel 2019 vedrà festeggiare l'intera Germania, turisti inclusi.
Nel 2019 si celebra infatti il centenario del Bauhaus!

Durante l'evento milanese, ideato in partnership con Visit Berlin, Ulrich Rüter, il Direttore dell'Ente Germanico per il Turismo, ha evidenziato come, anche quest'ultimo anno, si stia confermando il trend in crescita del turismo italiano in Germania. 
Gastronomia, cultura ma anche business. Gli italiani amano la Germania e i numeri di visitatori nelle città tedesche è in costante aumento.
Il 2019 sarà così un anno in cui gli italiani, estimatori di design e architettura, potranno scoprire anche la storia del Bauhaus.

Durante la serata di presentazione, due celebri artisti di Berlino hanno realizzato una splendida opera d'arte ispirata al Bauhaus. Utilizzando esclusivamente nastro adesivo hanno creato un'installazione che, nelle sue forme geometriche e i suoi colori, è un tributo ad uno degli edifici protagonisti del Bauhaus berlinese durante il centenario del 2019.

Il centenario del Bauhaus
Nel 2019 si celebra il 100° anniversario del Bauhaus, leggendario movimento e scuola di architettura, arte, design e arte applicata fondato nel 1919 a Weimar. Traslocato a Dessau nel 1925 e infine a Berlino dove dovette chiudere i battenti nel 1933 su pressione dei nazionalsocialisti, in soli 14 anni di attività il Bauhaus (presente come Staatliches Bauhaus a Weimar, Hochschule für Gestaltung a Dessau e scuola privata a Berlino) ha coinvolto architetti e artisti di primo piano come Walter Gropius, Hannes Meyer, Ludwig Mies van der Rohe, Lyonel Feininger, Marcel Breuer, Paul Klee, Vassily Kandinsky, Oskar Schlemmer e molti altri. Un "think tank" che ha prodotto una profonda innovazione specialmente nel campo dell'architettura, indirizzando il gusto estetico verso un'originale miscela di modernità, funzionalismo, austerità e attenzione al sociale. Malgrado la sua breve esistenza, il Bauhaus ha lasciato tracce in tutto il mondo e sorprende ancor oggi per l'attualità dei suoi concetti e principi estetici.

Un rinnovamento universale e duraturo
Anteponendo la funzione alla forma, lo stile Bauhaus non si è distinto solo per minimalismo e linearità, ma ha anche utilizzato nuovi metodi e materiali di costruzione, ponendo le basi per l'architettura moderna e contemporanea che attinge ancora alle sue geometrie e volumetrie. Ma il campo d'azione del Bauhaus è stato assai più vasto, spaziando dall'arredamento al design, dall'artigianato a forme d'arte come la fotografia, la grafica e persino il balletto. Lo testimonia il "Balletto triadrico" di Oskar Schlemmer, rappresentato per la prima volta nel 1922 a Donaueschingen con musiche di Paul Hindemith, per il quale il pittore e scultore tedesco ha creato sia la coreografia, sia gli originalissimi costumi rigorosamente geometrici. A Lauenförde, in Bassa Sassonia, la manifattura Tecta riproduce mobili e complementi d'arredo del periodo Bauhaus in stretta collaborazione con l'archivio del movimento, mentre il Bauhaus-Shop (online e a Berlino) propone molti oggetti prodotti su licenza come la famosa scacchiera minimalista di Josef Hartwig. A sua volta, la Thonet in occasione del Centenario produce un'edizione limitata della sedia S 533 F di Mies van der Rohe.

Numerosi esempi, anche attuali, di Bauhaus
Al Bauhaus, infine, si ispirano ancora diversi fashion designer di oggi e costumisti di artisti come Lady Gaga.
Il marchio UNESCO sulle roccaforti del Bauhaus
L'importanza del Bauhaus è suggellata dalla presenza di diversi edifici realizzati dai suoi architetti nella lista del patrimonio culturale mondiale dell'UNESCO. A Weimar hanno fatto storia le sedi della Bauhaus-Universität e la Scuola di Arte

Applicata nella Geschwister-Scholl-Strasse, entrambe progettate da Henry van de Velde, e l'edificio modello "Haus am Horn" di Georg Muche; la città ospita anche un museo dedicato al movimento. Dessau, seconda sede del Bauhaus, ne rappresenta il momento più alto e intenso, a cominciare dalla Hochschule für Gestaltung (Scuola superiore per le arti creative) disegnata da Walter Gropius, autentico faro per l'avanguardia dell'epoca.

Lungamente ignorato ai tempi della DDR, questo edificio del Bauhaus è stato poi restaurato con cura e oggi ospita la Fondazione del movimento. Non meno significative, sempre a Dessau, le "Meisterhäuser" (Case dei maestri) e il quartiere residenziale di Törten con le sue caratteristiche case a ballatoio.

Dal 2017 la lista UNESCO comprende anche la scuola sindacale ADGB di Bernau vicino a Berlino, un progetto di Hans Wittwer e Hannes Meyer del 1928-1930. Oltre che nei siti UNESCO, il mondo del Bauhaus è documentato a Berlino nel Bauhaus-Archiv/Museum für Gestaltung nella Klingelhöfer Strasse.
Disegnato originariamente da Walter Gropius e inaugurato nel 1979, attualmente è chiuso per la ristrutturazione e l'ampliamento del complesso affidato allo studio berlinese Staab-Architekten.
Il rifacimento consentirà di esporre adeguatamente il ricchissimo patrimonio dell'Archivio che dalla caduta del Muro ha registrato un consistente aumento di visitatori. In attesa della riapertura, prevista nel 2022, il Bauhaus-Archiv partecipa attivamente al programma di eventi per il Centenario ed ha aperto un Bauhaus-Shop nella sede provvisoria in Knesebeckstrasse 1-2.

Gli eventi del Centenario del Bauhaus
Per il Centenario del Bauhaus è stato predisposto un nutrito calendario di eventi in tutta la Germania e anche all'estero, alcuni anticipati già agli ultimi mesi del 2018.

Dal 17 al 24 gennaio 2019 Berlino ospiterà il festival inaugurale "100 Jahre Bauhaus" nell'Akademie der Künste; in programma concerti, conferenze, workshop, rappresentazioni teatrali, filmati e danza sul tema Bauhaus, tra cui il "Balletto triadico" di Oskar Schlemmer (che andrà in scena anche a Potsdam il 14. e 16.5.).
Sempre a Berlino, dal 15.3. al 16.6. è prevista la mostra "bauhaus imaginista", mentre Amburgo dal 11.4 al 16.6. propone la rassegna fotografica "BauhausGlobal".

Oltre a varie esposizioni e conferenze, Weimar nel corso del 2019 ospiterà una Bauhaus Marathon (il 28.4.) e il Bauhaus Ball (il 22.6.); a sua volta, Dessau l'8.9. inaugura un proprio Bauhaus Museum.

Maggiori informazioni:
www.bauhaus100.de/en/
www.germany.travel/bauhaus

autore: Auto&Lifestyle ©