Focus

{"first":":first","cssSlides":".slide","cssMenu":".menu","cssPrev":".rotator-prev","cssNext":".rotator-next","cssLightBackground":".rotator-bg-light","cssDarkBackground":".rotator-bg-dark","delay":5000,"type":"fade","speed":1000}

Lifestyle

turismo

Baden-Baden: benessere e cultura ai piedi della Foresta Nera

Baden-Baden non è solo un’esclusiva destinazione spa e benessere, ma anche un’oasi per l’arte, la cultura e per ritrovare il contatto con la natura, sia a passeggio che praticando sport.


turismo

Lo Chef Paolo Sari e la sua cucina Bio dell'Elsa al Monte Carlo Beach [VIDEO]

Unico ristorante al mondo ad aver ottenuto una stella Michelin e la certificazione Bio. Cucina mediterranea e grande attenzione alla qualità degli ingredienti, sapientemente selezionati dallo Chef Paolo Sari.


Leggi Anche

Bauhaus: 100 anni d'avanguardia portati con classe

Nel 2019 si celebra in Germania il centenario del Bauhaus, l'iconico movimento e scuola di architettura, arte e design nato negli anni '20 dello scorso secolo.


La nuova dimensione del benessere nel Tirolo austriaco firmata Biohotel Stanglwirt

Nelle Alpi di Kitzbühel un hotel dalla filosofia ecosostenibile, dedicato sia alle famiglie che agli sportivi in cerca di un'oasi di benessere in cui potersi rilassare dopo una giornata trascorsa sciando.


L'eccellenza del gruppo Lucien Barrière pronto a sedurre i turisti italiani

La catena francese di hotel si presenta ai viaggiatori italiani con un'offerta di strutture di prestigio, capaci di rendere la vacanza un'esperienza indimenticabile. Dai celebri hotel di lusso, come il Majestic di Cannes, alle nuove aperture, anche sulle le vette alpine.


Baviera: alla scoperta della splendida Bayreuth

Un armonioso mix tra arte e cultura in un contesto cittadino arricchito da rigosgliosi parchi, castelli e residenze nobiliari.


La Francia posa la prima pietra del Padiglione Expo Milano 2015: « Nutrire il Pianeta, energia per la Vita »

Al cospetto di autorità francesi e italiane è iniziata la costruzione del Padiglione Francia, un edificio sostenibile in legno che accoglierà il suo savoir-faire gastronomico e l’arte della tavola.


{"first":":first","cssSlides":".slide","cssMenu":".menu","cssPrev":".rotator-prev","cssNext":".rotator-next","cssLightBackground":".rotator-bg-light","cssDarkBackground":".rotator-bg-dark","delay":5000,"type":"fade","speed":1000}

L’esclusivo servizio di consulenza gratuita dedicato ai nostri lettori. Provalo!

24 Settembre 2019

Turismo

La Peca: un accento su materie prime e sull’esaltazione dei sapori

A bordo della Ford Edge Vignale siamo andati nel cuore del Veneto a scoprire la cucina stellata de La Peca.

Viaggiare è sinonimo di scoprire nuovi luoghi, nuove culture ma anche nuovi sapori. E’ così che in viaggio, “cullati” dal comfort del SUV Ford, ci porta in provincia di Vicenza, a Lonigo.
E’ tra le verdi colline venete che, da oltre dieci anni, brillano le 2 Stelle Michelin del ristorante La Peca.
“Peca” ossia “impronta” in dialetto vicentino, ma anche il segno dell’orma di una famiglia, i Portinari, che indelebile rappresenta un nuovo modo di interpretare la cucina, nel centro di un territorio da sempre legato alle tradizioni, anche quelle della tavola.

Incontriamo i due fratelli Portinari: Pierluigi, Maître di sala e Nicola, lo Chef, ma anche la creatività di Cinzia Boggian, capace di plasmare splendidi elementi di design che ornano gli ambienti e i tavoli del Ristorante, riportando in vita oggetti in disuso, o che sarebbero da gettare perché rotti.

Pierluigi ci spiega come è nata questa avventura imprenditoriale: <<L’attività è iniziata a Dicembre del 1987 ma la passione è nata ben prima, sia esplorando insieme agli amici i più importanti ristoranti italiani, sia a casa, dove abbiamo sempre mangiato una cucina di tradizione, fatta però con le migliori materie prime, una filosofia che abbiamo voluto fin da subito trasmettere ai nostri clienti>>.

Lo Chef Nicola Portinari ci racconta invece La Peca dal punto di vista dei sapori: <<La mia cucina è fatta di ingredienti, eccellenze della nostra zona. Vuole essere leggera, con pochi grassi ma si focalizza sull’esaltazione dei sapori, pur volendo mantenere vivo il ricordo di quelle che sono le tradizioni del territorio. E’ moderna e creativa. Seguo gli ingredienti stagionali ma certamente amo la primavera, momento in cui si gode del risveglio della natura>>.

Alla nostra domanda sulle automobili i fratelli Portinari, da grandi macinatori di chilometri, ci raccontano che il vero lusso è rappresentato da comodità e sicurezza, apprezzando anche quello che è lo sviluppo tecnologico. Lo Chef: <<Anche in cucina c’è una costante evoluzione tecnologica. Ogni hanno, infatti, arrivano in commercio macchinari per l’estrazione dei sapori, capaci di mantenere inalterati, durante la cottura, sia il gusto che le sostanze nutritive della materia prima. Per questo motivo apprezzo la tecnologia che rende più piacevole la vita a bordo di un’auto>>.

www.lapeca.it

autore: Auto&Lifestyle ©